[COME UNA MONGOLFIERA]

  • Released: marzo 18, 2022

‘COME UNA MONGOLFIERA’

L’autobiografia romanzata di Martina Carzaniga, una donna unica, speciale, determinata. Una donna come tutte noi.

Mi chiamo Martina Carzaniga, ho 35 anni, sono l’autrice di ‘Come una mongolfiera’, sono anche la mamma di Gabriele e Davide, la moglie di Riccardo e, da poco, un’imprenditrice in erba ma con le carte in tavola per un futuro di successo.

Vorrei spendere due parole su di me perché è dalla mia storia che prende vita questo romanzo. Come dicevamo sono una mamma, una donna, una professionista che ama il suo lavoro e a cui piace anche ritagliarsi del tempo per se stessa e coltivare le proprie passioni. Per molti anni ho lavorato come project manager in un’azienda di telecomunicazioni ma dopo demansionamento e discriminazioni a seguito delle maternità, ho deciso di dare una svolta alla mia vita e assecondare le mie passioni aprendo un’azienda di prodotti ecosostenibili per l’infanzia. E ho scritto ‘Come una mongolfiera’, un’autobiografia romanzata, in cui il racconto parte dalla mia infanzia e arriva alla nascita del mio primo figlio. Nel libro parlo di come sono riuscita, attraverso un percorso intricato e controverso, ad affrontare le difficoltà e i problemi legati all’adolescenza, quali ad esempio il bullismo e i disturbi del comportamento alimentare e all’età adulta, un matrimonio sbagliato e relazioni insane fino a raggiungere l’indipendenza emotiva e a combattere con determinazione per perseguire i miei sogni.

Il mio romanzo parla di Gemma e di come avviene la sua fioritura grazie a una grande forza di volontà nel ricercare equilibrio tra cuore e ragione. Gemma è una di noi, una brava ragazza dall’educazione cattolica che vive al riparo dal mondo cattivo e ingiusto che ci circonda. Ma non si può vivere in eterno in una campana di vetro e anche lei si trova, come tutti, a dover affrontare amarezze, frustrazioni e delusioni in diversi ambiti e di diversa entità fino a sviluppare una profonda prostrazione che si trasforma velocemente in un’insicurezza nei confronti di se stessa che sarà poi fonte di molti problemi. Alzi la mano chi non ha mai vissuto un periodo simile durante la propria crescita?

Abbandonare tutto ciò che del passato ti ostacola e che ti incatena al suolo, è la metafora della mongolfiera da cui prende il titolo libro con cui vorrei testimoniare proprio questo: dobbiamo imparare a gettar fuori la zavorra, abbandonare tutte quelle incertezze, cattive abitudini, pregiudizi, tutto ciò che ci tiene prigionieri e che ci impedisce di essere felici e appagati. Essere felici è una scelta, e Gemma ha deciso di esserlo, a tutti i costi.

Il target del mio romanzo è volutamente universale e aspira a essere un punto di riferimento con cui confrontarsi per le adolescenti, ma anche per ragazze e donne più adulte che possono aver condiviso nel proprio vissuto le vicende di cui racconto. Gemma è nostra figlia, nostra sorella, nostra nipote, la nostra migliore amica: una figura vicina a tutte coloro che hanno figli o nipoti a cui sono particolarmente affezionate.

Non aggiungo altro: buona lettura.