Topix

Come scrivere un comunicato stampa efficace in 5 punti

febbraio 12, 2019 | by admin


Per chi si occupa di comunicazione, il comunicato stampa perfetto è un po’ come il Santo Graal. Da questo dipende gran parte dei risultati che riusciamo a portare a casa.

Come si scrive un comunicato stampa efficace?

Ci sono poche regole che però vanno seguite alla lettera perché fidatevi, i giornalisti ricevono almeno un centinaio di comunicazioni al giorno non esagero (lo so perché scrivo per alcune testate e se per ogni comunicato che ricevo dovessi avere 1 euro ora starei scrivendo questo post da una bellissima spiaggia caraibica con in mano una mojito, anzi probabilmente neanche starei qui a scrivere).

1 – Titolo

Breve e accattivante. Se includiamo le testate online mettiamo la keyword nel titolo e la SEO ci ringrazierà. Il giornalista deve capire immediatamente di cosa stiamo parlando. Anche la grafica vuole la sua parte. Centrate il titolo e utilizzate un carattere bold.

2 – Sottotitolo

Se riusciamo a catturare l’attenzione, è probabile che il giornalista continui a leggere dobbiamo quindi cercare di mantenere vivo l’interesse. Poche righe, tre/quattro, in cui spieghiamo brevemente e chiaramente quello che sarà approfondito nel testo. Qui dovrete sintetizzare la notizia. Se non c’è notizia non c’è comunicato. Il che non è così scontato. A chi non è mai capitato il cliente convinto che la sua fosse una notizia da prima pagina del corriere? Ecco non sempre il cliente ha una visione nitida e oggettiva sta a voi far capire che non tutto quello che fa un’azienda è di interesse generale. Ha rifatto gli uffici, buon per lui! Ma non per forza si può trasformare questa informazione in una notizia a meno che non siano stati rifatti dall’archistar XYZ che ha introdotto per l’occasione l’uso di terra lunare per rivestire i pavimenti e l’acqua di Marte per creare immensi acquari popolati da animali preistorici ricreati in un laboratorio sperduto nel deserto XYZ. Nel caso si trattasse di un evento, segnaliamo subito qui data, orari e luogo.

3 – Corpo del comunicato

Evitiamo di mandare tesi nucleari lunghissime. Descriviamo l’evento e inseriamo un virgolettato dell’organizzatore (quando inseriamo i virgolettati ricordiamo sempre di inserire nome, cognome e qualifica). Se non si tratta di una prima edizione, diamo anche i numeri di quella precedente. Se ci sono ospiti di rilievo diamo spazio anche a loro con una breve dichiarazione.

4 – Chiusura

Il comunicato stampa si chiude sempre con i riferimenti aziendali. In fondo potete inserire un piccolo box all’azienda (una sorta di mini presentazione).

5 – Immagini

Personalmente allego un paio di immagini a bassa risoluzione (per dare un’idea) e il link a Dropbox o Google Drive con quelle ad alta risoluzione.

E poi? Via con la spedizione e recall!