Milkshake

Cohousing condividere e collaborare

febbraio 6, 2019 | by admin


Cos’è il cohousing?

Il cohousing nasce negli anni ‘60 in Danimarca ed è in sostanza un modello residenziale basato sulla condivisione (come ci piace questa parola). Vivere in queste “strutture” significa avere a disposizione uno spazio abitativo privato e diversi spazi in comune sia interni che esterni che possono essere utilizzati come sala da pranzo dove mangiare tutti insieme, dove poter fare dei laboratori, orti comuni, biblioteca e tanto altro.

Cosa ci piace di questo nuovo modo di “abitare”

  1. Socializzazione e solidarietà
  2. Collaborazione
  3. Ambiente sicuro
  4. Più servizi e più risparmio

Sul sito di COhousing, la comunità di persone collaborative, potrete trovare alcuni progetti relativi alla città di Milano.

Cohousing Silver

Un’estensione ancora più interessante è il cohousing per anziani. In questo caso diventa una bellissima alternativa alle case di riposo o semplicemente alla solitudine della propria casa.

Da uno studio condotto negli USA è emerso che gli anziani che vivono in contesti di condivisione rimangono autosufficienti per diversi anni in più rispetto a coloro che vivono da soli. Questo probabilmente grazie anche al fatto che abitando, o meglio, facendo parte di un progetto comune sono stimolati a rimanere in forma per poter dare il loro apporto agli altri. Si sentono ancora utili e questo migliora anche la loro autostima. Tutto questo è sicuramente un toccasana per il corpo e per la mente. Quindi evviva i cohousing per la terza età. Come ad esempio la struttura Del Moro a Lucca, destinato ad over 60.

Cohousing Intergenerazionale

Un bell’esempio di cohousing che mixa tra le due tipologie sopra è Casa alla vela, un progetto nato a Trento grazie alla Cooperativa sociale SAD. Si tratta di un progetto intergenerazionale dove convivono anziani e studenti . La Casa alla Vela è costituita da tre appartamenti: i primi due, accolgono 5 persone anziane parzialmente autonome seguite da due assistenti familiari. Il terzo appartamento è abitato da 6 studenti dell’Università di Trento. A noi l’idea piace tantissimo.

Pollice alzato per tutto ciò che è condivisione e collaborazione!