Una chiacchiera con EGcom

Chi beve birra campa cent’anni!

giugno 26, 2018 | by admin


Così diceva un vecchio slogan dedicato alla bionda più desiderata del mondo.

Per la rubrica “una chiacchiera con EGcom”, oggi si parla di lei, della bevanda dell’estate (ma non solo): di sua maestà La Brirra!

Estate, caldo, birra: il triangolo amoroso della stagione più gaudente dell’anno. In lattina presa direttamente da una vasca piena di ghiaccio, in bottiglia con la fetta di limone, appena spinata con tanta schiuma, questa bevanda aggrega, mette di buon umore, ha il potere di farci tornare in pace con il mondo. È trasversale e non devi essere un cultore per apprezzarla. E’ economica, una serata a cena fuori con la birra è più accessibile di una a base di vino. La birra mette d’accordo generazioni di gusti, culture di artigianalità e tradizione, contemporaneità e sapori antichi, frati trappisti e profeti della trasgressione.

Eppure, in ogni dieta che si rispetti gli alcolici vengono banditi, a partire dalla birra, accusata genericamente di “gonfiare”. Sbagliato! Anche questa sembra essere poco più di una leggenda metropolitana, una birra piccola fa ingrassare meno di un bicchiere di succo d’arancia o addirittura di carota . Eppure quale maniaco della dieta tra succo di carota e birra si porrebbe il problema? Bene, allora a suo favore sottolineiamo anche altri importanti benefici sconosciuti ai più, ad esempio per le ossa, grazie agli alti livelli di silicio contenuto in alcune birre artigianali e per i reni, per la percentuale d’acqua che li mantiene in funzione. Per non parlare dell’importante fonte di vitamina B12 e acido folico.

Fugati quindi i dubbi sulla minaccia alla nostra salute e forma fisica (a patto ovviamente di non esagerare), brindiamo alla “Birra dell’anno 2018”.

Titolo assegnato al birrificio Cr/Aw Brewery, relativamente giovane perché nato nel 2014 a Campodarsego a pochi chilometri da Padova , dopo una scrupolosa e severa valutazione da parte di una giuria di 84 esperti che prima di eleggere la migliore hanno testato ben 1650 birre presentate da 279 produttori artigianali.

Che dire quindi, Cheers!