Milkshake

2018: l’anno del “Non Mondiale”

giugno 14, 2018 | by admin


Senza l’Italia che Mondiale è? O meglio senza Mondiale che Italia è?

Non c’è appuntamento sportivo che abbia segnato i calendari delle nostre vite come quello dei Mondiali. Ogni quattro anni si ripete lo stesso rito: tutti a casa dell’amico da cui si è vista la mitica finale del 2006 in Germania (quella dell’ ’82 alcuni di noi l’hanno vista in braccio a papà o al nonno), tutti agli stessi posti e tutti con in mano le stesse birre (crepi se si cambia marca, la scaramanzia non ammette distrazioni). Oppure da soli in casa cellulare spento in sacrosanto isolamento, canotta, frittata di cipolla e rutto libero, come il mitico Fantozzi. In qualsiasi modo e in qualsiasi luogo, gli italiani si sono sempre fatti trovare pronti, organizzati e soprattutto uniti. Al bar, in un pub, in osteria, in vacanza, al lavoro, il vicino con l’occhio incollato come il tuo alla tv e il sedere sulla sedia pronto a scattare in piedi come il tuo alla prima azione da goal. Un occhio di centrodestra, di centrosinistra, di colore, un sedere del nord o del sud, chissene incollati e seduti allo stesso modo, senza tante polemiche, ipocrisie e finzioni.

Tutti autenticamente italiani e tutti autenticamente allenatori.

Così come autentici e spontanei gli abbracci al primo pallone in porta e le sfilate d’auto strombazzanti in ogni città e paesello a partita vinta. E non importa se è l’unica , se ci eliminano subito, almeno ci siamo stati, almeno fra quattro anni possiamo rimetterci agli stessi posti e con le stesse birre. Questa volta no. Questa volta comunque seguiremo i mondiali ma improvvisandoci tifosi di altri: di quello che ci ha buttati fuori, così almeno dimostriamo che non siamo usciti con i più scarsi, del paese in cui siamo stati in vacanza e ci siamo divertiti, dell’avversario del paese in cui siamo stati in vacanza ma è stata una vacanza da dimenticare.

Quello che sicuramente salterà è la parentesi della nostra vita legata ai mondiali, genere: Amore ti ricordi quando mi hai chiesto di sposarmi? Panico, ricordo immediato, certo c’erano i mondiali del 98, risposta sicura: certo amore era giugno del 98! Perfetto crisi sventata. Cosa accadrà tra vent’anni alle coppie in cui lui non potrà ricordare il mitico mondiale del 2018 perché non c’eravamo?

Tranquilli, quest’anno com’è noto l’Italia non volerà in Russia. E chi se lo dimenticherà un “non mondiale” così.